Amore per la lettura: come trasmetterlo ai bambini?

Leggere è una delle esperienze più belle al mondo. L’amore per la lettura permette di scoprire mondi nuovi e fare esperienze. Leggendo si conosce il passato e si pensa al futuro. Con la lettura si incontrano persone e si sogna con la fantasia. Insomma, leggere aiuta a vivere più vite. Una famosa frase di Umberto Eco recita “Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito”. Ed è proprio così.

Inoltre, l’amore per la lettura porta anche a innumerevoli altri vantaggi. Studi dimostrano, infatti, che leggere favorisce lo sviluppo cognitivo, relazionale ed emotivo del bambino. Leggere, insomma, aiuta a crescere e a vivere meglio.

Non sempre, però, è facile stimolare nei bambini l’amore per la lettura. A volte i piccoli possono sembrare disinteressati ai libri. Altre volte, invece, preferiscono altri passatempi. Ma come fare per avvicinare i bimbi al mondo magico dei libri? E’ possibile stimolare i bambini a leggere?

COME FAVORIRE L’AMORE PER LA LETTURA?

  • NON COSTRINGERE I BIMBI A LEGGERE. Una passione deve essere stimolata, non imposta. Forzare i bambini a leggere, infatti, rischia di produrre l’effetto opposto. Come ben si sa, se si impone a una scelta, molto raramente questa verrà fatta propria dai bimbi e vissuta con passione. “Almeno un paio di pagine al giorno” è un suggerimento che si da spesso ai bambini, ma rischia di diventare un obbligo. I piccoli, insomma, lo fanno perchè devono farlo. Stimolarli a leggere, invece, può essere la scelta migliore, così  che i piccoli si sentano protagonisti di questo interesse.

 

  • COINVOLGERE. Andare insieme a scegliere i libri, frequentare librerie e visitare biblioteche è un ottimo strumento per avvicinare i bimbi al mondo della lettura. Stimolare i bimbi e familiarizzare con certi ambienti li aiuta a muoversi con maggiore disinvoltura in questo mondo. Anche per quanto riguarda il libri da leggere, è buona abitudine farli scegliere al bambino, in base ai suoi gusti e alle sue preferenze. L’interesse deve partire dal bambino, stimolato dagli adulti intorno a lui. I grandi possono proporre diversi libri o consigliare alcuni generi, ma è il bambino che deve scegliere cosa lo ispira di più. Anche con la possibilità di cambiare idea.

 

  • NON SONO L’ALTERNATIVA AI VIDEOGIOCHI. La lettura è un’attività divertente, ma se imposta in alternativa a tablet e Play Station, naturalmente, soprattutto all’inizio, ne uscirà sconfitta. I libri non devono essere proposti in alternativa ad attività che hanno maggiore attrattiva per i bambini.

amore per la lettura

L’AMORE PER LA LETTURA PASSA PER L’ESEMPIO

 

  • LIBERI DI CAMBIARE IDEA. Gli adulti possono testimoniarlo: non c’è cosa più terribile che dover fare qualcosa controvoglia. E questo vale anche per i bambini. Quindi, se un libro non risponde alle aspettative del piccolo, non costringetelo a finirlo. E’ importante anche lasciargli la libertà di interrompersi. I libri non vanno a male e un testo che oggi può non piacere, può essere terminato mesi dopo. Quante volte capita agli adulti?

 

  • DARE L’ESEMPIO. I bimbi devono essere stimolati alla lettura. Uno degli strumenti più efficaci è l’esempio che gli adulti possono dare, scegliendo la lettura nei momenti di riposo. Vedere i grani coltivare questa passione e, magari, raccontare con entusiasmo ciò che hanno letto, diventa un prezioso esempio per i bambini. Catturare la loro attenzione con i racconti letti da noi, oggi, ma anche alla loro età, può essere uno stimolo grandissimo. Anche leggere insieme può essere un’attività molto stimolante, soprattutto per i bimbi più piccoli. L’abitudine di ritagliarsi del tempo per leggere un libro insieme, infatti, è un prezioso momento di condivisione.
DOTT.SSA ANNABELL SARPATO

 

 

 

Commenti