Temi come quelli della malattia e della morte sono considerati tabù nella nostra società. Spesso, nel tentativo di proteggere i bambini, si raccontano loro storie false quando una persona viene a mancare. A volte, infatti, soprattutto quando i bimbi sono molto piccoli, si parla di lunghi viaggi o trasferimenti lontani. Anche la scelta di non far partecipare i piccoli ai funerali nasce con l’aspettativa di evitare un momento di dolore e sofferenza. In realtà, nascondere la realtà rischia di peggiorare la situazione. Allontanare i bimbi da tutto ciò che ha a che fare con la malattia e con la morte può rivelarsi pericoloso e rischia di rallentare il processo di elaborazione del lutto nei bambini.

Prendere parte a rituali di passaggio, infatti, aiuta i bimbi a comprendere che:

  • il dolore e la sofferenza possono essere mostrati;
  • non si è i soli a provare dolore;
  • è possibile parlarne e supportarsi a vicenda.

Elaborazione del lutto nei bambini

COME AIUTARE L’ELABORAZIONE DEL LUTTO NEI BAMBINI

  • SPIEGAZIONE. Il compito dell’adulto di informare il bimbo su cosa è successo è difficile e, spesso, straziante. Il dolore degli adulti è spesso insopportabile e rispondere alle domande dei bambini non è semplice. Però non solo è necessario, ma fondamentale. Allontanare i bimbi dalla verità, come già detto, può essere confusivo e pericoloso. E’ importante rispondere alle domande dei bambini sulla morte, adeguandosi all’età e al livello di sviluppo dei piccolo. Trasmettere il messaggio che se ne può parlare aiuta i bambini a condividere al sofferenza e supportarsi vicendevolmente, senza creare aloni di mistero.

 

  • ESPRESSIONE DEL DOLORE. Anche gli adulti soffrono e, come giusto che sia, mostrano il proprio dolore. E’ importante non sentirsi in colpa per questo, ma utilizzare l’esternazione della propria sofferenza come strumento per aiutare il piccolo a capire che è importante esprimere le proprie emozioni legate al lutto. Mostrare che il dolore c’è, ma che si può imparare a gestire diventa molto importante per i bambini.

 

  • PARTECIPAZIONE. Condividere rituali di saluto, come il funerale stesso, possono rivelarsi dei momenti fondamentali per l’elaborazione del lutto dei bambini. Essi, infatti, permettono di costruire un’immagine interiore della persona venuta a mancare e di sentirsi parte attiva nella tragicità dell’evento.

 

  • CURA DEL RICORDO. E’ importante prendersi cura del ricordo della persona scomparsa. Parlare della persona che non è più tra noi e condividerne le memorie è fondamentale per l’elaborazione del lutto nei bambini. I piccoli devono sentire che se ne può parlare e che il legame con il proprio caro è sempre presente e nutrito. Parlarne non esacerba la sofferenza, anzi. Raccontare della persona mancata aiuta a esprimere la sofferenza e iniziare ad elaborarla.

PARLARNE PER FAVORIRE L’ELABORAZIONE DEL LUTTO NEI BAMBINI

La morte di una persona cara è una delle più grandi tragedie che un bambino e la sua famiglia possono vivere. Non è semplice parlare con i bambini di cosa è successo, rispondere alle loro domande e confrontarsi con loro. Spesso alle domande sulla morte non c’è risposta, e riflettere su questi temi mette in crisi anche i grandi. In realtà, anche se a molte domande dei bambini non abbiamo risposta, ciò che conta è poterne parlare. E’ vero che i bambini si aspettano che i gradi hanno sempre risposte su tutto, ma, purtroppo, non è così. Insegnare loro che non sempre si può avere risposte, ma che si può riflettere su ipotesi e posizioni è un buon allenamento per i bambini.

Aiutare l’elaborazione del lutto dei bambini è molto importante, perché consente di elaborare l’esperienza della morte, integrandola nella propria storia di vita. Il rischio, altrimenti, è quello di non riuscire ad andare avanti, rimanendo bloccati nel proprio dolore. Elaborare il lutto non vuol dire dimenticare, anzi. Elaborare il lutto significa integrare questa esperienza dolorosa dentro di sé, come facente parte della propria vita e della propria storia.

DOTT.SSA ANNABELL SARPATO
Commenti