Scegliere la scuola primaria: come fare?

Scegliere la scuola primaria non è semplice. Il momento di passaggio tra la scuola dell’infanzia e quella primaria è sicuramente un momento ricco di emozioni. E’ un momento complesso per i bambini, che si trovano ad affrontare un mondo nuovo, ricco di scoperte. Ma anche per i genitori, che vedono i loro bimbi crescere e iniziare a inserirsi nel “mondo dei grandi”. L’ingresso alla scuola primaria, infatti, sancisce un momento importante di crescita e di cambiamento che, inevitabilmente, porta con sé dubbi e preoccupazioni.

“Sarà la scuola giusta? E’ troppo lontana? Quali servizi offre? Andrà bene per nostro figlio?”. Sono queste alcune delle numerose domande che i genitori si pongono di fronte al momento complesso in cui scegliere la scuola primaria per i loro bimbi.

 

SCEGLIERE LA SCUOLA PRIMARIA: A COSA PRESTARE ATTENZIONE?

A cosa prestare attenzione quando si deve scegliere la scuola primaria non è una domanda semplice. Ci sono tanti aspetti da tenere in considerazione, a diversi livelli. E’ difficile offrire delle linee guida che possono essere utili per tutti, perché occorre fermarsi a riflettere su molti aspetti. Ci sono questioni più pratiche, che non possono essere messe in secondo piano. Occorre considerare i diversi orientamenti didattico-pedagogici, che possono variare molto tra di loro. E poi, non da ultimo, vi sono le proprie aspettative rispetto a come deve essere la scuola e cosa dovrebbe offrire ai bambini e alle loro famiglie.

Non è semplice, ovviamente, mettere insieme tutti questi elementi, ma è importante tenerli in considerazione per scegliere la scuola primaria in maniera più consapevole possibile.

 

SCEGLIERE LA SCUOLA PRIMARIA: ALCUNE DOMANDE UTILI

  • CHE OFFERTA FORMATIVA OFFRE IL MIO TERRITORIO? Conoscere l’offerta formativa delle scuole della zona in cui si vive è molto utile. Capire quale orientamento didattico-pedagogico adotta ogni scuola è fondamentale per capire verso quale scuola orientarsi. Senza entrare eccessivamente nel tecnico, scuole diverse possono adottare metodi di insegnamento diverso. Capire quale può essere più affine alle proprie scelte educative e alle caratteristiche del proprio bambino è il primo step per orientarsi nel mondo della scuola primaria.

 

  • PUO’ ESSERE UTILE PARTECIPARE AGLI OPEN DAY? Sicuramente partecipare agli open day può essere un’occasione importante. Se ci sono scuole che ci incuriosiscono o che pensiamo possano essere una buona scelta, può essere utile presenziare alle giornate di open day. Questi momenti sono molto utili per capire nel concreto come sono strutturate le scuole, e cosa offrono ai bambini e alle loro famiglie. Non solo: l’open day è un momento utile per iniziare a conoscere il dirigente scolastico, gli insegnanti e le persone coinvolte nella routine scolastica. In questa occasione può essere utile fare domande mirate, in modo da rispondere ai dubbi e alle questioni che inevitabilmente scegliere la scuola primaria comporta.

 

  • TEMPO PIENO O NO? Tante volte si discute se per i bambini sia meglio il tempo pieno o fare orari più ridotti. Come sempre, non ci sono risposte univoche. Molto dipende dalle esigenze del piccolo e della sua famiglia. Sicuramente il tempo pieno è molto impegnativo per i bambini: passare molto tempo fuori casa, in un ambiente strutturato, è sicuramente stimolante, ma anche molto stressante. Occorre, però, valutare singolarmente la scelta in base alle caratteristiche del bimbo. Ma non solo: occorre anche considerare le possibilità di gestione della famiglia. Ci sono famiglie che possono essere maggiormente flessibili su questo aspetto, mentre altre sono “costrette” a propendere per un certo tipo di  soluzione.

Scegliere la scuola primaria

FATTORI PRIMARI, SPESSO SOTTOVALUTATI, PER SCEGLIERE LA SCUOLA PRIMARIA

Ci sono tantissimi aspetti da considerare per scegliere la scuola primaria. Quando ci si trova a valutare, però, non sempre è facile prestare attenzione a tutti i fattori in gioco. Alcuni aspetti, ad esempio, non è facile identificarli solo leggendo la brochure della scuola o partecipando agli open day. Ecco alcune riflessioni che potrebbe essere utile tenere in considerazione quando si deve scegliere la scuola primaria.

  • ATTENZIONE AL BAMBINO

    E’ importante scegliere una scuola che presti attenzione al bambino, ai suoi tempi e ai suoi ritmi. Sembra scontato dirlo, ma spesso si perde di vista l’obiettivo fondamentale. E’ importante finire il programma per la fine dell’anno scolastico. E’ ancora più importante, però, accompagnare i bambini nella crescita, stimolandoli ad imparare e a sviluppare le loro potenzialità, confrontandosi con i propri limiti e provando a superarli.

 

  • UN POSTO BELLO

    Sembra scontato, ma i bambini passano tantissime ore a scuola. Stare tante ore in un posto bello, confortevole è sicuramente la scelta migliore. Questi non significa che la struttura deve necessariamente deve essere nuova o ultra moderna, anzi. Deve, però, essere a misura di bambino. Questo significa avere diversi spazi a disposizione, un giardino o un cortile, un ambiente caldo e curato. I bambini, a scuola, devono sentirsi a casa.

 

  • INSEGNAMI AD IMPARARE

    Imparare non è scontato. Scegliere il modello di insegnamento più affine alle caratteristiche del proprio bambino è fondamentale. Non può (e non deve) esserci un modello di insegnamento uguale per tutti. Inevitabilmente, così, si portano avanti solo quelli che già ce la fanno, perdendo per strada chi, invece, avrebbe solo bisogno di un approccio diverso.

 

  • SCUOLA FELICE

    Chissà da dove nasce l’idea che la scuola debba essere un posto dove i bambini vanno mal volentieri. A scuola si va a fare una delle cose più belle del mondo: imparare. Cosa c’è di più bello di scoprire ogni giorno cose nuove? Certo, è impegnativo. Ma anche giocare è impegnativo. Anche andare a fare attività sportiva. E’ talmente culturalmente accettato che i bambini dicano che odiano andare a scuola che non ci facciamo nemmeno più caso. La scuola è un posto dove i bambini devono essere sereni. Devono andarci con il sorriso. Devono essere felici della loro scuola. Questo non significa che non ci possano essere giorni dove ci si lamenta di andare a scuola. Ma questa deve essere l’eccezione, non la regola.

 

SCEGLIERE LA SCUOLA PRIMARIA: GESTIRE L’ANSIA

Scegliere la scuola primaria, dunque, come ogni scelta, non è così scontata. E’ una scelta sicuramente molto importante. Allo stesso tempo, anche se occorre ponderarla molto bene, però, è fondamentale farla con serenità e senza eccessive preoccupazioni. Se è presente eccessiva ansia, infatti, si rischia di trasmettere tensione al bambino. Quest’ultimo, invece, ha il diritto di affrontare questo momento di passaggio con serenità. Anche le aspettative eccessive possono essere pericolose, perché si rischia di mitizzare una scuola e doversi poi confrontare con i limiti della quotidianità, fomentando malcontento e delusione.

Avere fiducia nelle capacità del bimbo, poi, diventa fondamentale. E’ importante dare ai bimbi il tempo di ambientarsi, di scoprire questo mondo, di esplorare, di confrontarsi con sé stesso e con gli altri. Questo ci permette di capire come sta andando questa nuova esperienza. La scelta della scuola primaria, infatti, è una scoperta reciproca, tra il bimbo, la scuola, gli insegnanti e la famiglia.

DOTT.SSA ANNABELL SARPATO
Commenti