Tre cose da fare assolutamente prima di ricominciare la scuola!

Tra pochi giorni inizia la scuola. I ritmi rallentati dell’estate presto verranno sostituiti dalla frenesia della quotidianità. La scuola, gli sport, le ripetizioni, le feste di compleanno e tanti altri impegni arricchiranno le giornate dei bimbi e dei loro genitori. Un bel cambiamento, che può spaventare piccoli e grandi. In pochi giorni si passa dal relax estivo alle corse per riuscire a stare nei tempi tra i vari impegni. Per questo, è importante vivere al meglio gli ultimi giorni di vacanza, che fungono da ponte alla ripresa a scuola. Di seguito, alcune riflessioni su tre cose da fare assolutamente prima di ricominciare la scuola. Questo potrà servire per affrontare i primi giorni di scuola con la carica giusta.

Le tre cose da fare assolutamente prima di ricominciare la scuola servono per preparare bambini e genitori a una ripresa positiva dei ritmi quotidiani. Si tratta di piccole cose che, però, possono aiutare a vivere il rientro con l’entusiasmo e l’energia giusta. Gli ultimi giorni di vacanza dovrebbero essere dedicati al relax. Sarebbe preferibile che i compiti fossero conclusi, in modo da lasciare un po’ di spazio per un ripasso generale, anche solo sfogliando i libri dell’anno precedente. E’ importante non sovraccaricare i bambini negli ultimi giorni, per favorire una ripresa graduale dei ritmi.

 

QUALI SONO LE TRE COSE DA FARE ASSOLUTAMENTE PRIMA DI RICOMINCIARE LA SCUOLA?

  • PREPARARE IL MATERIALE. Una cosa molto importante da cominciare a fare i giorni precedenti l’inizio della scuola è quello di preparare il materiale. La scelta della cartella, dell’astuccio e dei quaderni può essere un’occasione per iniziare a mentalizzare l’inizio della scuola. Scegliere il materiale, prepararlo e personalizzarlo aiuta i bambini a diventare da subito protagonisti attivi del proprio mondo scolastico. L’idea di personalizzare etichette, quaderni e il proprio materiale, inoltre, può essere utile per trasmettere l’importanza di prendersi cura delle proprie cose.

 

  • CAMBIO ARMADIO TATTICO. Uno dei momenti particolarmente delicati della ripresa scolastica è il mattino. Sveglia, colazione e ci si prepara. Spesso i genitori lamentano che i bimbi sono lenti, ci mettono un sacco di tempo e si perdono via a posto di prepararsi. Nonostante i genitori provino a sollecitarli, sembra che i bambini non abbiano idea del fatto che si tarderà. Come far fronte a questo? Sicuramente alzarsi di buona ora aiuta a guadagnare tempo. Inoltre, può essere utile cominciare già i giorni precedenti l’inizio della scuola a preparare i vestiti che il piccolo dovrà indossare. Valutare quali abiti si possono ancora sfruttare e cosa, invece, va acquistato, aiuta genitori e bambini a fare mente locale su ciò che si ha a disposizione. Scegliere insieme i vestiti da comprare e preparare già i vari abbinamenti può essere utile per guadagnare tempo al mattino. Anche in questo senso il bambino impara l’autonomia, sotto la supervisione dell’adulto che lo guida nelle scelte.

Tre cose da fare assolutamente prima di ricominciare la scuola

 

LA PIU’ IMPORTANTE DELLE TRE COSE DA FARE ASSOLUTAMENTE PRIMA DI RICOMINCIARE LA SCUOLA!

  • PENSIERO POSITIVO. Spesso la ripresa dalle vacanze estive viene vista in maniera nostalgica. Noi adulti siamo i primi a vivere il rientro alla quotidianità con malinconia e dispiacere. In realtà può essere utile passare un messaggio diverso. Come l’estate, ogni stagione ha le sue bellezze. Si baratta la libertà dell’estate con la possibilità di stare di più con i propri amichetti. A scuola c’è occasione di fare cose nuove. Si può andare in montagna a cercar castagne, si può andare a sciare e mangiare la cioccolata calda. La passeggiata alla sera si può fare lo stesso, basta mettersi un maglioncino in più. E quando fa troppo freddo, si può stare a casa a fare un puzzle tutti insieme.

 

Delle tre cose da fare assolutamente prima di ricominciare la scuola, forse quest’ultimo è il più importante. Il cambio di prospettiva è fondamentale, a partire dai genitori. Spesso oberati di impegni e lavoro, si tende ad associare l’estate alla spensieratezza e alla libertà, con l’inverno fonte di stress e fatica. In realtà, siamo sicuri che è davvero così? Poche persone hanno modo di passare tutta l’estate in vacanza. In realtà, si tratta più di una nostra visione dell’estate. Durante l’estate ci si sente più carichi, pieni di energia, anche se si lavora sodo. Perché? E’ un nostro  atteggiamento mentale. Trasferire questa energia anche alle altre stagioni è molto importante sia per sé che per  i propri bambini. L’autunno e le stagioni a seguire possono essere occasione per fare tante cose insieme, dalle gite fuori porta ai momenti speciali da condividere.

Prima lo impariamo noi adulti, prima il messaggi passa ai bambini. Non si può aspettare sempre l’estate, ma si deve fare in modo che l’estate diventi il nostro stato d’animo per tutto l’anno.

DOTT.SSA ANNABELL SARPATO

 

Commenti