Dare il cellulare ai bambini: giusto o sbagliato?

A che età è giusto dare il cellulare ai bambini? Una bella domanda. Psicologi, pedagogisti ed educatori si interrogano di frequente su questa questione, portando spesso posizioni contrastanti. C’è chi sostiene che i bambini di oggi vivano immersi nelle nuove tecnologie e, dunque, è impossibile e controproducente vietare l’uso di tablet  e smartphone. Dall’altra parte, invece, c’è chi pensa che dare il cellulare ai bambini molto piccoli sia scorretto. Chi ha ragione?

All’interno di questa discussione è difficile dare un risposta univoca, perché possono essere portate argomentazioni valide da entrambe le posizioni. E’ possibile, però, riflettere su queste argomentazioni e capire quale può essere la scelta più adatta per ognuno di noi. Ogni situazione è a sé e con caratteristiche differenti. Per questo è importante riflettere sulle diverse posizioni e capire cosa può essere più adeguato per le proprie esigenze.

Proviamo a vedere insieme le tesi che avvalorano ciascuna posizione.

Dare il cellulare ai bambini

DARE IL CELLULARE AI BAMBINI: PERCHE’ SI?

  • NATIVI DIGITALI. Sempre più spesso i bambini, anche piccolissimi, hanno modo di accedere a tablet e smartphone. I bimbi di oggi sono veri e propri nativi digitali e, fin dalla nascita, si trovano immersi nella tecnologia. Bambini e Internet è un connubio sempre più stretto, che ci porta a riflettere su come aiutare i ragazzi a muoversi in questo mondo. Sono spesso i più piccoli, infatti, ad aiutare gli adulti a muoversi tra App varie e nuovi strumenti. Vivendo in un contesto estremamente tecnologico è impossibile privare i bambini della tecnologia e, dunque, è importante insegnare fin da piccoli ad un uso responsabile dello strumento. Al contrario vietare l’uso dei dispositivi elettronici non solo è praticamente impossibile, ma anche controproducente, perché non li prepara ad un utilizzo sano e corretto delle nuove tecnologie.

 

  • SICUREZZA. A volte, per gli adulti, può essere molto utile dare il cellulare ai bambini. In questo modo, infatti, i genitori possono avere sotto controllo la situazione, conoscere gli spostamenti dei bambini ed avvisare o essere avvisati di fronte a ogni imprevisto. Il cellulare può essere una risorsa utile per promuovere autonomia nei bambini e favorire la relativa tranquillità dei genitori.

 

  • COMODITA’. Il cellulare può rivelarsi utile anche per i bimbi di genitori separati. In questo modo i bimbi possono chiamare in autonomia l’altro genitore, senza necessariamente rivolgersi alla mamma o al papà. Questo vale anche per organizzarsi con gli amichetti o discutere sui compiti. I bambini, infatti, possono contattare i compagni di scuola in autonomia, senza obbligatoriamente la presenza dell’adulto.

 

DARE IL CELLULARE AI BAMBINI: PERCHE’ NO?

  • SALUTE. Stare molo tempo davanti allo schermo fa male. Ne abbiamo tutti la prova quotidianamente. Gli occhi ne risentono e la concentrazione cala. La stanchezza, dopo aver passivamente visionato più e più video, si fa sentire. Apparentemente non si è fatto nessuno sforzo, ma in realtà il corpo e la mente sono stanchi. La concezione del tempo che passa viene alterata e il rischio di dipendenza è molto elevato. Questo vale per gli adulti e, in misura ancora maggiore, per i bambini.

 

  • NON SERVE. Vent’anni fa i bambini non avevano il cellulare e vivevano lo stesso. Oggi sembra che questo sia impossibile. Ciò vale per i bambini, ma anche per gli adulti. E’ così difficile fare a meno del cellulare? Si può vivere senza questo strumento, che ormai sembra diventato indispensabile per fare ogni cosa?

 

  • CONTROLLO. Quando si parla di autonomia, il cellulare ha una duplice valenza. Da una parte, dare il cellulare ai bambini sembra promuovere l’autonomia, perché si da ai piccoli la possibilità di svolgere alcune attività da soli. Può capitare, ad esempio, di lasciar andare il bambino dall’amichetto con la raccomandazione “Appena arrivi mandami un messaggio”. Oppure piccole commissioni. O, ancora, lasciare il bimbo per brevi momenti a casa da solo. Dall’altra parte, attraverso il cellulare, il controllo che i genitori hanno sui bimbi è molto più presente rispetto al passato. Ma è davvero un controllo reale? O è solo una errata percezione? Allo stesso tempo, promuovere l’autonomia controllando continuamente i ragazzi responsabilizza realmente le nuove generazioni?

 

DARE IL CELLULARE AI BAMBINI CON INTERNET?

Spesso, una delle questioni aperte per quanto riguarda il dare il cellulare ai bambini è la presenza di Internet. La possibilità di connettersi con il resto del mondo con un semplice click è un enorme vantaggio. Si possono conoscere diverse realtà, avere tutte le informazioni a portata di click, restare connessi con persone lontane. Insomma, fare cose che anche solo pochi anni fa sembravano inimmaginabili. Allo stesso tempo, però, l’utilizzo della rete comporta dei rischi. Per questo, l’uso di Internet non deve essere lasciato al caso. Occorre educare i bambini ad un uso corretto e responsabile delle nuove tecnologie. E, per fare questo, gli adulti devono essere i primi a utilizzare la rete in maniera responsabile. Senza demonizzarla, ma consapevoli dei rischi in cui si può incorrere.

Al pari delle mille risorse della rete, infatti, ci sono altrettanti pericoli che si possono insidiare dietro a questo mondo. E non sono cose troppo lontane da noi. Spesso si parla di pedofilia e materiale pedopornografico. Questa, infatti, è una realtà molto più diffusa di quello che si pensi. Tra i rischi della rete si sta diffondendo sempre di più il cyberbullismo, simile al bullismo, ma con alcune caratteristiche specifiche. Inoltre, si stanno diffondendo in maniera massiccia forme di dipendenza da videogiochi e da internet, con conseguenze estremamente pericolose.

Ma non sono solo questi i rischi della rete. Anche se evidentemente di minore portata, anche l’imbattersi in notizie false e non saperle discriminare è un problema serio. Oppure l’incapacità di gestire il tempo attaccati al cellulare può rivelarsi un grosso limite. La tendenza a diventare dipendenti da questo dispositivo è sempre più diffusa tra i bimbi e i ragazzi, che faticano a darsi dei tempi nell’utilizzo del cellulare.

 

RIFLETTERE SU COME DARE IL CELLULARE AI BAMBINI

In conclusione, la rete ha una potenzialità enorme, ma, come ogni strumento, è importante capire come usarlo bene. Il ruolo dell’adulto si concretizza nell’educazione alle nuove tecnologie, per favorire un uso corretto e responsabile. Ciò avviene attraverso l’esempio, e il rispetto delle tappe di sviluppo e l’insegnamento dell’autoregolazione nei bambini. Un compito complesso, ma molto importante per educare ad un uso corretto della rete.

 

DOTT.SSA ANNABELL SARPATO

 

 

Commenti