Riposo dei bambini: l’importanza del dolce far nulla

I ritmi frenetici della vita quotidiana della nostra società coinvolgono tutti, anche i bambini. Al mattino c’è la scuola e, a volte, anche al pomeriggio. Poi ci sono gli allenamenti di calcio, le lezioni di danza, la piscina, le ripetizioni e, magari, qualche festa a casa di amici. Come gli adulti (o forse di più), i piccoli si trovano ad essere sommersi di impegni, lasciando poco tempo all’attività libera. Il riposo dei bambini viene relegato principalmente al sonno notturno. I bimbi hanno modo di staccare la spina principalmente quando dormono. Raramente, infatti, possono oziare durante il giorno.

Questa iperstimolazione ha portato sicuramente a numerosi vantaggi. Sono sempre di più i bambini che già in tenera età svolgono un’attività sportiva e che, magari, conoscono più di una lingua. Si sviluppano buone capacità di problem solving e si impara a gestire il tempo a disposizione. Ma dove è finito il dolce far niente? Non esistono più tempi morti, dove rigenerare la mente e il corpo. I ritmi sono sempre più incalzanti, gli impegni da sbrigare sempre più numerosi e, di conseguenza, aumenta lo stress. E questo non avviene solo nei grandi, ma anche nei più piccoli.

 

TABLET E TELEFONINI MINANO IL RIPOSO DEI BAMBINI

Durante la giornata può capitare che i bimbi non abbiano impegni. In questi momenti, dunque, il riposo dei bambini sembra garantito. Non è sempre così, però. Anche quando hanno modo di riposarsi e scegliere liberamente qualche attività, spesso i bambini prediligono giocare ai videogiochi, navigare in internet o guardare la televisione. Mai come oggi, infatti, i bambini sono stati bombardati da stimoli. Videogiochi e Social Network sono utili e stimolanti, ma stancano i bambini. Le energie fisiche e mentali utilizzate per passare il tempo con la tecnologia sono spesso trascurate. Davanti ai video di YouTube i bambini riposano davvero?

 

Riposo dei bambini

3 CONSIGLI PRATICI PER IL RIPOSO DEI BAMBINI

  • Passare più tempo insieme senza programmare nulla. Non sempre è facile, ma è importante ritagliarsi dei momenti insieme ai bambini senza decidere a priori cosa fare. A volte, può essere molto utile lasciarsi ispirare dal desiderio del momento. Per il benessere di grandi e piccini si può decidere di non programmare ogni momento libero. Questo può rivelarsi realmente molto rilassante. E può permettere di riscoprire la bellezza di stare insieme solo per il fatto di esserlo.

 

  • Le attività extrascolastiche devono essere un piacere per il bambino, non per l’adulto. Spesso la scelta delle attività da svolgere fuori dall’orario scolastico dipendono più dai gusti del genitori che di quelli del figlio. E’ certamente importante orientare i bambini nella decisione, dando loro consigli. Occorre stare attenti, però, a non sostituirsi a loro. I genitori devono fungere da guida e incuriosire i bimbi, offrendo loro degli spunti per scegliere insieme.

 

  • Regolare l’uso della tecnologia. Spesso i bambini quando hanno un po’ di tempo libero decidono di giocare ai videogiochi o di mandare messaggi agli amici. Questo può essere molto divertente, ma anche molto stancante. E’ importante dare delle regole rispetto all’utilizzo della tecnologia, prestabilendo un massimo di tempo in cui dedicarsi a queste attività. Non è opportuno, né possibile, privare i bambini di cellulari e tablet. E’ necessario, però, educarli ad un utilizzo equilibrato e consapevole.

 

IL RIPOSO DEI BAMBINI: L’IMPORTANZA DEL DOLCE FAR NIENTE

Sono molte le ricerche che evidenziano l’importanza della noia. Essa risulta centrale per uno sviluppo sano ed armonioso. Il dolce far niente aiuta a conoscere maggiormente se stessi e, di conseguenza, gli altri. Ma annoiarsi aiuta anche a sognare a occhi aperti, a sviluppare la creatività e la fantasia. Sono notevoli i vantaggi di un vero e proprio riposo dei bambini. Vale la pena cercare di lasciare del vero tempo libero ai piccoli, che impareranno così a trovare da sé il modo migliore per loro per passare il tempo.

 

DOTT.SSA ANNABELL SARPATO

 

 

Commenti