Insegnare ai bambini il rispetto verso gli altri: come fare?

Quando si parla di educazione, non si può tralasciare il tema del rispetto. Insegnare ai bambini il rispetto verso gli altri, infatti, è parte fondante di ogni educazione. E’ importantissimo riuscire a trasmettere ai bambini l’importanza  fondamentale del rispetto reciproco per vivere insieme in maniera serena e positiva.

Insegnare ai bambini il rispetto verso gli altri non è semplice. Spesso ci si aspetta che esso avvenga in maniera naturale, ma non è così. Occorre educare i bambini al rispetto, attraverso l’insegnamento e, soprattutto, l’esempio. Essere adulti rispettosi aiuta i figli a capire l’importanza di questo atteggiamento.

come insegnare ai bambini il rispetto verso gli altri?
  • RISPETTO VERSO DI SE’ E VERSO GLI ALTRI. Spesso si trascura il fatto che, per star bene con gli altri, è fondamentale stare bene con se stessi. Il rispetto per il prossimo passa dall’insegnamento che occorre prestare rispetto per se stessi e per la propria persona. Occorre aiutare i bambini a sviluppare una buona considerazione di sé, supportandoli nell’insegnamento di come prendersi cura di se stessi e volersi bene. Amare e rispettare sé stessi è il presupposto per rispettare in maniera autentica l’altro.

 

  • STARE BENE. Spesso si pensa che rispettare l’altro implichi necessariamente la limitazione della propria libertà d’azione. Il rispetto dell’altro, infatti, spesso viene associato a concetti come sacrificio e rinuncia. Questo, però, può essere fuorviante. Rispettando l’altro, infatti, noi facciamo del bene anche a noi stessi, creando un circolo che si autoalimenta. E’ importante trasmettere ai bambini come rispettare il prossimo non sia un limite o un obbligo, ma una scelta di vita che alimenta e crea benessere, in noi stessi e negli altri.

 

  • EDUCAZIONE EMOTIVA E EMPATIA. Rispettare gli altri implica necessariamente lo sviluppo di empatia. Sapere riconoscere e gestire le proprie emozioni è il primo passo per sviluppare la capacità di riconoscere le emozioni negli altri. Una buona educazione emotiva ed affettiva porta i bambini a capire quali emozioni stanno vivendo, sena esserne sopraffatti. Questa capacità è il presupposto fondamentale per saperle riconoscere le emozioni nell’altro, imparando a mettersi nei panni altrui.

Insegnare ai bambini il rispetto verso gli altri

insegnare ai bambini il rispetto verso gli altri con il buon esempio
Come sempre l’educazione passa per l’esempio. Non basta spiegare a parole come bisognerebbe fare, ma occorre dimostrarlo concretamente. In particolar modo, quando si parla di rispetto occorre insegnare ai bambini come fare attraverso la messa in atto di comportamenti rispettosi. In primis, mostrare rispetto per il proprio bimbo, facendolo sentire amato e accettato come persona. Questo non significa non dire mai di “no”, anzi. A volte dire di No è la scelta migliore per il rispetto del bambino e della sua persona.  Rispettare il bambino significa considerarlo un essere umano a sè, con i propri pensieri e le proprie emozioni.
Mostrare ai bambini che ci comportiamo in modo rispettoso anche con gli altri è molto importante. L’esempio è il motore trainante di ogni educazione. Mostrare atteggiamenti rispettosi aiuta ai bambini a comprenderne l’importanza. Ma non solo. I bambini, infatti, comprendono anche come si mostra concretamente rispetto e quali atteggiamenti sono utili e quali, invece, non vanno bene.
USARE I GIOCHI PER INSEGNARE AI BAMBINI IL RISPETTO VERSO GLI ALTRI
Insegnare il rispetto verso gli altriCi sono tanti giochi che possono essere utilizzati per insegnare il rispetto per gli altri. Insegnare ai bambini il rispetto verso gli altri attraverso i giochi può rivelarsi divertente e alla portata di tutti i bambini.  Possono essere giochi già predisposti, oppure da inventare sul momento. Ogni momento ludico è una occasione irripetibile di esperienze. Esistono anche cartoni animati, film e libri sul tema, magari da guardare insieme e poi commentare. Allo stesso tempo, però, anche lasciare ai bambini il modo di leggere queste storie da soli li aiuta a metabolizzare gli insegnamenti.
DOTT.SSA ANNABELL SARPATO
Commenti